InPagina PRO, la meccanica

La versione InPagina PRO supporta solo dati XML ed anche l’elemento grafico minimo cambia, perché iniziamo a parlare di meccanica, cioè una porzione (a piacimento) di pagina.

Le pagine mastro definiscono semplicemente il numero di pose o colonne ed il posizionamento dei blocchi.

Occorre poi definire le meccaniche, ovvero gruppi di campi e grafica che definiscono e caratterizzano l’impaginazione del singolo prodotto.

InPaginaPRO disporrà le meccaniche definite dai dati XML sulle pose all’interno delle pagine.

I vantaggi di InPagina PRO

  • Aggiornamento automatico dei testi dal file dati
  • Personalizzazione grafica e dei contenuti per ogni singolo record inserito
  • Possibilità di decidere dal DB la grafica da impaginare (meccanica)

InPagina PRO pose

La versione con “meccaniche” su pose è la versione evoluta di InPagina (e gestisce solamente XML).

InPagina Pro utilizza le pagine mastro per definire quantità e disposizione dei record all’interno della pagina.
Le “meccaniche” sono gruppi di grafica (se necessaria) e campi indispensabili a contenere i dati dei record. Si crea quindi una libreria di “meccaniche”, tutte diverse in base alle esigenze, che possono essere associate ad ogni prodotto.

In ogni posizione predisposta all’interno delle pagine mastro possiamo disporre una meccanica dalla libreria, in modo da creare volta per volta la pagina migliore, non fissa ma descritta dal DataBase. In pratica non avremo una disposizione di pagina predefinita, ma la pagina verrà creata dal DataBase volta per volta in base ai prodotti presenti dei record, che richiamano gli elementi “meccaniche” di libreria.

InPagina PRO colonne

La versione su colonne è la versione che unisce il concetto delle pagine mastro e delle meccaniche, cioè elementi variabili richiamati dal database, però non utilizza una posa fissa ma colonne fluenti.
Vista la complessità gestisce solamente XML.

Abbiamo ancora quante pagine mastro sono necessarie, ma queste servono solo ad individuare le colonne all’interno della pagina, quindi in genere si riducono di numero, essendo una colonna, due o al massimo tre colonne.

La libreria di “meccaniche” è del tutto simile a quella a pose fisse, ma è possibile inserire uno stile oggetto con la possibilità per alcuni campi di allargarsi (verso il basso) come ad esempio una descrizione lunga, o righe di versioni dl prodotto.

La meccanica successiva inizia dalla fine della precedente, riempiendo l’intera colonna, per poi passare alla successiva se il prodotto non riesce a riempire perfettamente la pagina.
È anche possibile interrompere l’intero prodotto o spezzare il box a cui è attribuita la possibilità di espandersi verso il basso.

SEI CURIOSO E VUOI VEDERE CON I TUOI OCCHI?

Guarda il video oppure scarica la demo

VUOI SAPERNE DI PIU'?